Regolamento Challenge LLCC 2021/2023
Sommario
Regolamento Challenge LLCC 2021/2023
1 - Tipologia

Incontro in pista (trackday) con rilevazione dei tempi sul giro, aperto a tutti previa verifica dei requisiti tecnici e sportivi, con particolare riferimento alla comprensione del regolamento ed alla sicurezza delle vetture.

Trattasi di evento svolto sotto l’egidia OPES/CONI.
Non sono necessarie auto allestite in maniera tale da renderle non idonee alla circolazione stradale.

Non esiste vincolo di partecipazione a tutti gli eventi.

Organizzatori e Staff permanente al momento della stesura del regolamento:

  • Dario A. Gambino (DarioG): gestione regolamento e aspetti tecnici, gestione Piloti sul Forum LLCC, Organizzazione Challenge LLCC.
  • Mattia Sarzi Braga (Satz404): gestione operativa in autodromo, gestione classifiche, gestione gruppo WhatsApp
  • Umberto Beia (Voodoo): Fotografo Ufficiale, social media manager
  • Matteo Pirazzi (Wirestriker): verifica tecniche vetture in pista

I membri dello Staff non entreranno nelle premiazioni e nelle classifiche della manifestazione per l'anno in corso in caso di partecipazione ad uno o più eventi, anche in caso di rinuncia all'incarico.

2 - Finalità e comportamento in pista

Il Challenge LLCC è un incontro in pista in regime di circolazione turistica fra appassionati che ha l'obiettivo di migliorare il livello di guida e la preparazione dei mezzi al solo fine di incrementare la sicurezza durante il loro uso sia su strada, sia in circuito.

Tutti i piloti si impegnano a prestare il loro aiuto e ad istruire i meno esperti a titolo gratuito, anche e non solo accompagnandoli in circuito secondo le indicazioni dell'organizzazione.

I criteri di assegnazione dei riconoscimenti ai piloti non saranno strettamente legati alla prestazione cronometrica, ma premieranno la costanza di partecipazione e la condotta del mezzo in sicurezza, non il tempo sul singolo giro.

Per questi motivi:

  • le vetture non possono partire da ferme in griglia e non è pertanto previsto l'uso del semaforo o della bandiera di start
  • è obbligatorio lasciare strada alle auto più veloci usando l'indicatore di direzione prima di spostarsi verso il lato fuori traiettoria della pista
  • è vietato l'uso delle quattro frecce (hazard)
  • è vietato superare le vetture che non abbiano palesato l'intenzione di lasciare strada tramite l'uso dell'indicatore di direzione.
  • è obbligatorio mantenere sempre tutte le ruote della vettura sulla pista, intendendo che fanno parte della pista anche la riga bianca ed i cordoli (l'organizzazione può comunicare durante il briefing delle eccezioni nei circuiti in cui l'applicazione di questa norma sia inutile o controproducente ai fini della sicurezza)

Possono essere adottate diverse regole di sorpasso e/o precedenza delle vetture purché vi sia accordo unanime fra i partecipanti allo stesso turno di guida e siano rispettate le condizioni minime di sicurezza, con particolare riferimento all'esperienza dei piloti; resta comunque vietata la partenza da fermo.

Tali turni di guida non contribuiranno alle classifiche ufficiali della manifestazione, che non è pertanto assimilabile ad una competizione, mancando dei requisiti e delle caratteristiche tecniche di una gara.

3 - Responsabilità

Ogni utente è tenuto a controfirmare l'assunzione di responsabilità prima di ogni singolo evento, pena l'esclusione dalla manifestazione.
I membri dell’organizzazione non saranno mai responsabili di eventuali contatti/incidenti tra i partecipanti e/o incidenti con danni materiali all’autodromo ospitante e/o con danni personali.

4 - Svolgimento

Arrivo in autodromo almeno 60 minuti prima dell'inizio del trackday.

Registrazione obbligatoria al box dell'organizzazione per controllo dei requisiti di piloti e vetture, assegnazione numeri e consegna transponder.

I numeri possono essere prenotati per l'intera stagione all'indirizzo:

http://www.llcc.it/YetAnotherForum.NET/default.aspx?g=posts&t=25915

In assenza di prenotazione, saranno assegnati dall'organizzazione.

Prima dell'ingresso in pista è obbligatoria la partecipazione al briefing, che verrà effettuato almeno 30 minuti prima del proprio turno iniziale; in caso di assenza al briefing (appello nominativo) il pilota perderà la possibilità di partecipare al turno di guida a lui assegnato.

Turni in pista: l'organizzazione potrà permettere il recupero dei turni persi per guasti o altri inconvenienti, compatibilmente col traffico in pista e la necessaria uniformità di prestazioni delle vetture.

Cena di gruppo con premiazioni.

5 - Quote di partecipazione e casi di ritiro

Le quote di iscrizione dovranno essere tassativamente versate entro i termini stabiliti per ogni singolo evento.

Sarà possibile acquistare anticipatamente la Tessera Challenge LLCC, per maggiori informazioni:

http://www.llcc.it/YetAnotherForum.NET/default.aspx?g=posts&t=25761

È previsto un sovraprezzo del 10% per le iscrizioni ricevute a meno di 5 gg dall’evento.
(in questa casistica il pagamento dovrà essere effettuato direttamente in pista e concordato con l’organizzazione.)

In caso di annullamento di un evento per cause di forza maggiore (es. covid19), le quote versate saranno restituite o mantenute valide per la data successiva (a discrezione dell’utente).

I piloti che si ritirano fino a 5 giorni dell'evento possono vendere la quota di loro iniziativa, eccetto i possessori della Tessera Challenge LLCC; oltre questo termine, la quota verrà persa definitivamente per questioni organizzative.

6 - Prescrizioni per piloti e passeggeri

I piloti devono essere in possesso di patente di guida categoria B o superiore (o patente estera di pari grado riconosciuta in Italia) in corso di validità.

Ogni iscritto dovrà partecipare al briefing obbligatorio all’inizio della manifestazione, pena l’esclusione dai turni in pista

I piloti devono permettere all'organizzazione l'ispezione tecnica senza preavviso delle vetture ai fini dell'applicazione del regolamento e della valutazione delle condizioni di sicurezza.

I piloti devono fornire tutte le informazioni richieste sui loro mezzi e sulla loro esperienza di guida utili alla valutazione del rischio della condotta in pista anche prima degli eventi. L'organizzazione può imporre la presenza a bordo di propri tutor, sistemi di registrazione audio/video e telemetria.

Nel corso della manifestazione, l’organizzazione potrà verificare “a campione” l’effettivo stato delle vetture iscritte, sia in termini di efficienza e sicurezza, sia in merito al livello di preparazione dichiarato dal proprietario al momento dell’iscrizione; l’organizzazione si riserva quindi, ad insindacabile giudizio, di accettare, cambiare di categoria o escludere il partecipante, in caso di accertamenti differenti da quanto precedentemente dichiarato.

I passeggeri sono ammessi esclusivamente nei turni indicati dall'organizzazione.

Ogni comunicazione fra vetture o fra vetture e paddock è vietata, fatta eccezione per cartelli e segnalazioni dal muretto box.

Non è consentito girare durante i turni riservati ad altri piloti iscritti alla manifestazione che si sono ritirati, anche se il pilota ritirato ha manifestato il proprio consenso alla cessione ad altri del proprio turno in pista.

L'organizzazione può permettere deroghe, ma si riserva il diritto di escludere dal computo dei risultati di giornata i tempi così ottenuti se il maggior numero di giri percorsi o i differenti orari in cui si è utilizzata la pista evidenzieranno delle disparità di condizioni rispetto agli altri piloti o rispetto ai turni inizialmente previsti.

Ad ogni bandiera rossa causata, scatterà un’ammonizione; dopo la terza ammonizione, il pilota non potrà più partecipare alla manifestazione dell’anno in corso; l’organizzazione si riserva di decidere se escludere o riammettere lo stesso pilota partecipante per l’anno successivo.

I piloti che causano una bandiera rossa devono immediatamente uscire dal circuito per presentarsi all'organizzazione e non avranno la possibilità di rientrare in pista nello stesso turno che è stato interrotto.

I piloti che provocano una seconda bandiera rossa (nella medesima giornata) devono immediatamente uscire dal circuito, non avranno la possibilità di rientrare per l'intera giornata e saranno penalizzati con la cancellazione dei loro sette giri più veloci.

I piloti che non mantengono sempre tutte le ruote della vettura in pista nei circuiti in cui la regola è stata precisata e imposta durante il briefing o nelle circostanze nelle quali ciò possa costituire vantaggio, saranno penalizzati con la cancellazione di tutti i tempi del turno nel quale è stata commessa l'infrazione.

L’organizzazione si riserva di ammonire ed espellere per uno o più turni i Piloti che verranno ritenuti responsabili di comportamenti antisportivi e/o pericolosi.

Il comportamento in pista deve essere sempre rispettoso nei confronti di tutti i partecipanti; ai neofiti / prima partecipazione al Challenge LLCC, l’organizzazione fornirà obbligatoriamente e gratuitamente un tutor esperto; Il tutor sarà gratuito soltanto alla prima partecipazione, ed al primo turno, mentre per i successivi turni o tappe, se richiesto dal Pilota, il costo sarà di € 40,00 a turno.

7 - Prescrizioni per le vetture

Le vetture devono appartenere ad una delle categorie sotto indicate, essere in regola con le norme per la circolazione stradale nel Paese di svolgimento dell'evento ed essere dotate di assicurazione RCA in corso di validità, ad eccezione delle auto Racing.

La partecipazione di vetture non targate è ammessa, ma saranno accettate ad insindacabile giudizio dell’organizzazione.

Sulla vettura deve essere montato almeno un gancio di traino; lo stesso non è obbligatorio in caso di roll-bar o gabbia a vista utilizzabile per il traino.

Le vetture saranno inserite in turni stabiliti dall’organizzazione, tenendo conto delle prestazioni delle vetture e del grado di esperienza dei piloti partecipanti; non saranno inseriti negli stessi turni veicoli troppo diversi per peso e prestazioni.

La rumorosità dell'impianto di scarico deve rientrare nei limiti fissati dall'autodromo ospitante; è a cura del singolo partecipante la verifica preventiva dei propri parametri. Non saranno restituite le quote pagate in caso di rifiuto dell'autodromo ad accogliere le vetture non in regola.

Devono essere presenti due specchietti retrovisori laterali saldamente fissati e correttamente orientati.

Devono essere presenti i parafanghi per le auto che non li integrano nella carrozzeria.

Le ruote non possono sporgere dai parafanghi.

Non devono mancare parti di carrozzeria e tutte le stesse devono essere saldamente fissate.

Tutte le parti sporgenti o taglienti nelle vicinanze degli occupanti devono essere adeguatamente coperte in caso di rimozione degli allestimenti interni.

Fari, frecce e clacson devono essere presenti e funzionanti.

Sono vietate le appendici aerodinamiche mobili; le appendici aerodinamiche devono essere saldamente fissate, non possono sporgere lateralmente oltre la sagoma del veicolo, non possono avere altezza da terra inferiore a 70 mm e devono sopportare senza deformazioni permanenti un carico di 10 Kg distribuito su un'area circolare di 200 mm di diametro. È fatta eccezione per le auto che hanno ali mobili progettate e studiate dalla casa costruttrice. Esempio esplicativo: Audi TT ha un piccolo alettone che fuoriesce in base alla velocità.

Al fine di rendere possibile il traino anche in caso di stallonamento di uno pneumatico, nessun componente strutturale delle vetture deve toccare il suolo quando tutti gli pneumatici di uno stesso lato siano completamente sgonfi.

Distanziali con spessore superiore a 25 mm sono ammessi solo se dotati di colonnette piantate sui distanziali stessi.

Non è ammessa la sovralimentazione chimica (tramite protossido di azoto o sistemi simili); eventuali bombole già presenti possono rimanere montate, ma devono essere vuote.

L'organizzazione può applicare a scopo promozionale adesivi e scritte non permanenti sulle vetture partecipanti e può rimuovere o mascherare adesivi o scritte già presenti sulle vetture stesse, se ritenuti in contrasto con lo spirito o gli sponsor della manifestazione.

Le vetture devono essere identificate da un numero su tabella con sfondo a contrasto (vietati i colori complementari rosso/verde, giallo/viola, arancio/blu) applicata su almeno una fiancata indicata dall'organizzazione, con altezza minima dei caratteri di cm 12 e leggibile ad una distanza minima di m 30; l'organizzazione fornirà numero e tabella ai piloti che ne sono sprovvisti.

Fino alla seconda partecipazione sulla parte posteriore delle vetture deve essere esposto l’apposito adesivo fornito dall'organizzazione riportante una X nera su campo giallo.

L'organizzazione escluderà dalla manifestazione le auto le cui prestazioni ed i cui allestimenti sono giudicati incompatibili coi requisiti di sicurezza della manifestazione o con le capacità del pilota.

8 - Dotazioni di sicurezza obbligatorie

Sia per il pilota che per il passeggero è obbligatorio indossare un casco omologato per autovettura o per motocicletta.

L'abbigliamento deve prevedere pantaloni lunghi, maglietta a maniche lunghe e scarpe chiuse per tutti.

Dopo la terza partecipazione sono obbligatori estintore e cinture a quattro o più punti per tutte le vetture delle categorie Cup e Open e Racing.

Dopo la terza partecipazione è obbligatoria la tuta ignifuga con omologazione FIA oppure SFI in corso o scaduta per le vetture di categoria Cup e Open e Racing.

Dopo la terza partecipazione per le vetture non dotate di parabrezza o finestrini è obbligatorio almeno uno fra gabbia integrale e dispositivo di ritenzione del capo (Hans, Simpson o simili) con omologazione FIA oppure SFI in corso o scaduta.

9 - Pneumatici ammessi e servizio in pista

Ai fini delle classifiche è ammesso esclusivamente l'uso di pneumatici omologati per uso stradali inclusi nelle liste 1A, 1B e 1C del file all’indirizzo per le Categorie Entry, Gentleman, Master, Cup,:

MSA-Permitted-Tyres-L_2020.pdf

Sono in vigore le seguenti ulteriori limitazioni:

  • è ammesso esclusivamente l'impiego della mescola più dura per gli pneumatici che ne prevedono più di una
  • è ammesso esclusivamente l'impiego di pneumatici distribuiti nel mercato interno dell'Unione Europea
  • i piloti possono sottoporre all'organizzazione ulteriori pneumatici stradali per l'inclusione nelle liste, ferme restando le limitazioni per mescole e canali di vendita
  • i piloti possono utilizzare pneumatici da asciutto e da bagnato non omologati per l'uso stradale, ma saranno inclusi nella categoria Racing
  • tutti gli pneumatici non possono essere più vecchi di 60 mesi
  • non possono essere utilizzati pneumatici ricostruiti
  • gli penumatici possono venire intagliati
  • sono vietate le termocoperte (deroga auto Racing)
  • sono vietati i trattamenti chimici
  • Per le auto che hanno problemi nel trovare le semislick della propria misura, sarà concessa la larghezza successiva disponibile con spalla libera o comunque la prima misura disponibile e compatibile con eventuale ABS, salvo deroghe o preparazione libera.

Categoria Open, Turismo,  Gran Turismo e Hyper Car è ammessa qualsiasi semislick omologata stradale con mescola libera.

Categoria Racing è ammessa qualsiasi gomma Slick.

10 - Categorie

Al Challenge LLCC sono ammesse sia vetture moderne che storiche che racing.

Ai fini della suddivisione delle vetture in categorie, si riportano le seguenti precisazioni:

  • tutte le vetture devono essere dotate di assicurazione RCA, fatta eccezione per le racing, in regola con la revisione e dotate degli impianti di illuminazione e di segnalazione acustica.
  • ai fini delle Classi si verificherà il dato da libretto “massa a vuoto”, nel caso di eventuali alleggerimenti sarà l’organizzazione a valutare il passaggio alla categoria successiva più alta.
  • per le classi Entry, Gentleman e Master sono ammessi front lip, minigonne, estrattori ed altre appendici aerodinamiche originali o aftermarket di funzione meramente estetica che non fuoriescano dalla sagoma anteriore, posteriore, laterale e superiore della vettura o che sono previsti sullo stesso modello dalla casa costruttrice (esempio consentito: il piccolo alettone posteriore delle Lotus Elise 111S o SC può essere montato anche su altre auto in quanto non costituisce vantaggio aerodinamico). Ciò non toglie che se per esempio: una Mazda Mx5 NA 1.8 che dovrebbe partecipare in Classe Entry, aggiungesse un alettone aerodinamico la stessa farebbe il salto di una sola Classe ritrovandosi in Gentleman con uno svantaggio prestazionale ma con un vantaggio aerodinamico.
  • Le vetture delle classi Entry, Gentleman, Master e Cup salgono di una categoria per l'installazione di un cambio ad innesti frontali o sequenziale non previsto in origine.
  • Le auto ultra trentennali verranno collocate nelle classi dopo verifica da parte dell’organizzazione.
  • L'organizzazione può spostare in una classe superiore le vetture che, ad insindacabile giudizio, ritenga collocate in una categoria palesemente inappropriata a norma di regolamento.
  • l’organizzazione si riserva di accettare o escludere, ad insindacabile giudizio, partecipanti e vetture di qualunque genere e tipo (esempi: auto di dubbia appartenenza alle categorie sopra citate; dubbia preparazione/affidabilità, auto non affini all’utilizzo in pista tipo SUV, fuoristrada, monovolume ecc).
  • L’ammissibilità di tutto ciò che non è espressamente regolamentato, fatti salvi i principi generali di sicurezza, è ad insindacabile valutazione e accettazione da parte dell’organizzazione.

Terminologia:

  • Originale: vettura completamente OEM (come uscita dalla fabbrica) eccetto Gomme semislick con misura a libretto, Pastiglie freni e tubi in treccia.
  • Sport: si intendono quelle auto che hanno mantenuto: cilindrata originale, collettori originali, turbina e/o compressore originali, ammortizzatori originali o equivalenti (Sono concessi ammortizzatori aftermarket o comunque ad una via), centralina originale (consentita rimappatura solo motori aspirati), vietati alleggerimenti interni (ad esempio non è consentita la rimozione di moquette, pannelli porta, plastiche cruscotto), mentre sono consentiti i sedili racing e freni ottimizzati.
    Carrozzeria originale e divieto di Ali e Splitter.
    Vietati SwapSono consentiti modifica radiatore e batteria.
    Misure gomme ammesse a libretto dalla casa costruttrice, sarà comunque a discrezione dell’organizzazione spostare di una categoria le auto che avranno a libretto misure estreme per la tipologia di auto ammesse in classe; Es. mx5 Na 185 da 14 ammesse 195 da 15, non ammesse altre misure.
  • Deroga: eccezione alla dicitura Sport specificata caso per caso.
  • Cilindrata originale: comprende le variazioni di cubatura strettamente necessarie alla rettifica per la revisione dei motori.
  • Peso in ordine di marcia: si riferisce alla vettura senza pilota e col serbatoio pieno per almeno 1/3.
  • Sistema di sovralimentazione: si intende l'insieme dei componenti dedicati alla compressione ed al raffreddamento dell'aria o della miscela aria/combustibile, come compressori volumetrici o centrifughi, pulegge ed ingranaggi di trasmissione, turbine, intercooler e chargecooler, iniettori di acqua e alcol, spruzzatori di acqua e alcol su intercooler e chargecooler; si ritiene equivalente all'originale un intercooler o chargecooler con volume superiore di non oltre il 15% rispetto a quello originale della Casa.

Classe 1 "ENTRY"

  • Mazda MX-5 NA 1.6 aspirate con monoblocco originale e mono corpo
  • Mazda MX-5 NA 1.8 aspirate con monoblocco originale e mono corpo (vietati alleggerimenti)
  • Mazda MX-5 NB 1.6 aspirate con monoblocco originale e mono corpo
  • Mazda MX-5 NB 1.8 140cv Sport
  • Mazda MX-5 NBFL 1.8 146cv Sport
  • Mazda MX-5 NC 1.8 Sport + Deroga Collettori
  • Mazda MX-5 NC 2.0 Originale
  • Mazda MX-5 ND 1.5 Sport
  • Mazda MX-5 ND ed NDRF 2.0 160 CV Originale
  • MG F ed MG TF con monoblocco Rover (no turbo/volumetrico/swap motore)
  • Toyota MR2 con monoblocco originale aspirate oppure sovralimentate con sistemi originali
  • Suzuki Swift Sport aspirate con monoblocco originale e mono corpo (segmento B)
  • Mini (tutte) Sport – Esclusa Cooper S
  • Fiat 124 Originale
  • Fiat Cinquecento Abarth 135cv Sport
  • Fiat Barchetta Sport
  • Peugeot 106 Rallye Sport
  • Peugeot 206 Gti Originale
  • Ford Puma Mk1 Sport
  • Vetture di segmento A (Fiat Cinquecento, Renault Twingo, Smart, Peugeot 108, Opel Adam, ecc.) con preparazione libera e monoblocco originale.

Classe 2 "GENTLEMAN"

  • Mazda MX-5 NA 1.6 e 1.8 aspirate con monoblocco e cilindrata originale, preparazione libera
  • Mazda MX-5 NB 1.6 e 1.8 aspirate con monoblocco e cilindrata originale, preparazione libera
  • Mazda MX-5 ND 1.5 aspirate con monoblocco originale, preparazione libera
  • Mazda MX-5 NC 2.0 Sport + Deroga Collettori
  • Mazda MX-5 ND o NDRF 2.0 160 cv Sport + Deroga Collettori
  • Mazda MX-5 ND o NDRF 2.0 184 cv Sport
  • Toyota GT86 e Subaru BRZ Sport
  • Abarth 124 Originale
  • Fiat 124 Sport
  • Renault Clio RS 2.0 aspirata con monoblocco originale
  • Peugeot 106 1.6 Rallye preparazione libera
  • Citroen Saxo 1.6 VTS preparazione libera
  • Abarth 595/695/Biposto con monoblocco originale Sport
  • Alfa Romeo MiTo 1.4 turbo/Quadrifoglio Sport
  • Altre vetture di segmento B (Ford Fiesta ST, Peugeot 208 GTI, Renault clio 1.6l. RS, Opel Corsa OPC, Seat Ibiza Cupra, Polo GTI, Mini Cooper S, ecc) con monoblocco di cilindrata fino a 1750 cc, cilindrata originale aspirate oppure sovralimentate con sistemi originali, a scocca portante in acciaio e con peso in ordine di marcia fino a kg 1300 Sport
  • Ginetta G40 aspirate a motore Ford precedente all'anno 2000 (Zetec)
  • Honda con monoblocco anche non originale, purché proveniente da altra vettura della Casa, cilindrata fino a 1750 cc, aspirate oppure sovralimentate con sistemi originali
  • Lotus Elise 1.6 aspirate Sport
  • Lotus Elise 1.8 aspirate con monoblocco Rover originale Sport
  • Lotus Elise S2 111S Sport
  • Opel Speedster aspirate 2.2 Sport
  • Toyota MR2 con monoblocco Toyota anche non originale, purché proveniente da altra vettura della Casa, aspirate oppure sovralimentate anche con sistemi non originali

Classe 3 "MASTER"

  • Abarth (tutte) e Fiat 124 con preparazione libera
  • Mazda MX-5 (tutte) aspirate con swap o monoblocco non originale (es 1.9 cilindrata)
  • Mazda MX-5 (NA/NB) con monoblocco e cilindrata originali, sovralimentate
  • Mazda MX-5 NC 8 e 2.0 con preparazione libera aspirate
  • Mazda MX-5 ND 2.0 con preparazione libera aspirate
  • Toyota Yaris GR Originale
  • Alfa Romeo 4c Originale
  • Alpine A110 Originale
  • Toyota GT86 e Subaru BRZ aspirate con preparazione libera
  • Caterham 165 Sport
  • Renault Clio preparazione libera
  • Ginetta G40 aspirate a motore di derivazione Ford dall'anno 2000 (Duratec/MZR)
  • Honda con monoblocco anche non originale, purché proveniente da altra vettura della Casa, cilindrata oltre 1750 cc, aspirate oppure sovralimentate con sistemi originali e peso fino a kg 1300
  • Lotus aspirate con monoblocco Toyota 1.8 monocorpo
  • Lotus aspirate con monoblocco Rover 1,8 l, testa di tipo VVC/VHPD monocorpo o testa 120/135 con quattro corpi farfallati (escluse le Elise S2 111S originali, collocate in Classe 2 “Gentleman”)
  • Lotus Elise SC ed Elise S MY2012 1.8 volumetriche Originale
  • Lotus Evora 280cv Sport
  • Mini Cooper S / GP preparazione libera
  • Opel Speedster aspirate con monoblocco originale, cilindrata originale e monocorpo
  • Toyota MR2 con preparazione libera
  • Vetture di altri marchi con monoblocco originale, cilindrata fino a 1750 cc, sovralimentate con sistemi non originali, a scocca portante in acciaio e con peso in ordine di marcia fino a kg 1300
  • Altre vetture segmento B e C (Ford Fiesta ST, Peugeot 208 GTI, Renault clio 1.6l. RS, Opel Corsa OPC, Seat Ibiza Cupra) con monoblocco originale, cilindrata oltre 1750 cc, aspirate oppure sovralimentate con sistemi originali, a scocca portante in acciaio e con peso in ordine di marcia fino a kg 1300 preparazione libera.

Classe 4 "CUP"

  • Toyota GT86 e Subaru BRZ sovralimentate, con preparazione libera
  • Mazda MX-5 NC/ND sovralimentate, con preparazione libera
  • Alpine A110 con monoblocco, cilindrata e sistema di sovralimentazione originali
  • Alpine A110s Sport
  • Vetture sportive a marchio Honda con preparazione libera
  • Yaris Gr Sport
  • Alfa Romeo 4C Sport + Deroga Assetto + Deroga Misura Gomme + Deroga Centralina
  • Vetture che seguono lo schema costruttivo della Lotus 7 (telaio in traliccio di tubi metallici senza pannellature strutturali in materiali compositi, motore anteriore, trazione posteriore) aspirate, esclusi modelli Caterham superiori a R300 e 355/360; se dotate di motore motociclistico, limite di cilindrata 1350 cc e corpi farfallati di serie; se dotate di motore automobilistico limite di cilindrata 2000 cc con alimentazione monocorpo, 1800 cc se con corpi farfallati o alimentazione singola; devono essere biposto con sedile passeggero (potrà essere rimosso), prive di ali o altre appendici aerodinamiche, permesse canard originali; peso in ordine di marcia fino a 1100 kg
  • Lotus 250 Cup
  • Lotus Exige/Evora V6 350 Sport + Deroga cat. (motivi di sicurezza)
  • Lotus Exige/Evora V6 380 - 410 Originale + Deroga cat. (motivi di sicurezza)
  • Lotus Europa ed Opel Speedster con monoblocco, cilindrata e sistema di sovralimentazione originali (escluse Elise SC ed Elise S MY2012 Stock, collocate in classe 3 “Master”)
  • Lotus con motori Toyota aspirate preparazione libera
  • Opel Speedster con motori aspirati preparazione libera
  • Lotus con motori Toyota compressati Sport + Deroga Aero + Deroga Centralina
  • Lotus SC con Cilindrata e Compressore originale il resto preparazione libera
  • Lotus con motori Rover con qualsiasi livello di preparazione
  • Lotus e Speedster con monoblocchi diversi dagli originali (swap) aspirati monocorpo con cilindrata originale Sport + Deroga Assetto + Deroga Misura Gomme
  • Porsche Cayman tutte tranne Gt4/GTS
  • Porsche Boxster tutte tranne 718 Spyder
  • Tutte vetture della classe 3 “Master” con aggiunta di ali e aereodinamica non originale

Classe 5 "OPEN" (consentite gomme Semislick stradali mescola libera)

  • Alpine A110 tutte, con preparazione libera
  • Alfa Romeo 4C con preparazione libera
  • Vetture che seguono lo schema costruttivo della Lotus 7 con qualsiasi livello di preparazione
  • Caterham serie R, tutte tranne R300 collocate in Classe 4 “Cup”
  • Vetture di schema Lotus 7 dotate di ali o altre appendici aerodinamiche oppure monoposto
  • Vetture con telaio in traliccio di tubi metallici senza pannellature strutturali in materiali compositi, gruppo motore posteriore o centrale, aspirate o sovralimentate
  • Lotus Elise e Lotus Exige quattro o sei cilindri, Lotus Evora, Lotus Europa ed Opel Speedster con preparazione libera
  • Lotus 2-Eleven e 3-Eleven, tutte
  • Lotus Exige e Evora 430
  • Lotus 340R
  • Radical
  • KTM X-Bow, tutte
  • Ariel Atom, tutte
  • Dallara stradale, tutte
  • Lotus Exige/Evora V6 350 a 430 preparazione libera
  • Altre vetture con peso in ordine di marcia fino a kg 1100

Classe 6 "TURISMO" (consentite gomme Semislick stradali mescola libera)

Altre vetture (segmento B e C) con motore anteriore, monoblocco originale, cilindrata oltre 1750 cc preparazione libera, a scocca portante in acciaio e con peso superiore a kg 1300.

Esempi:

  • Alfa Romeo Giulia e Giulietta;
  • Audi A-tutte; S1/S3/S4/S5/TT/TT S;
  • Bmw Serie 1/2/3/4/5/6/8/i8 Serie Z3/Z4
  • Ford Focus RS
  • Mitsubishi EVO Sport
  • Nissan 350Z e 370Z;
  • Renault Megane RS;
  • Seat Leon o Cupra;
  • Subaru Impreza Sport
  • VW Maggiolino/Golf GTI/GTD/R/Scirocco
  • Honda Civic TypeR my2020 (300cv)
  • Varie ed eventuali da valutare

Classe 7 "Gran Turismo" (consentite gomme Semislick stradali mescola libera)

Tutte le vetture a scocca portante e peso in ordine di marcia superiore a kg 1300

  • Porsche Gt4/GTS e 718 Spyder;
  • Porsche 911 S;
  • Bmw M2/M2 Competition/M3/M4/M5/Z3M/Z4M;
  • Audi RS3/RS4/RS5/RS6/TTRS;
  • Auto con motori Volkswagen con turbina non originale
  • Mercedes A45 AMG/C43 AMG/C63 AMG;
  • Jaguar F-Type;
  • Mitsubishi EVO con preparazione libera;
  • Subaru Impreza con preparazione libera;
  • Tesla (tutte)

Classe 8 "Hyper Car" (consentite gomme Semislick stradali mescola libera)

Tutte le vetture a scocca portante e peso in ordine di marcia superiore a kg 1450 o con potenza superiore a 400cv

Esempi:

  • Porsche GT3/GT3RS tutte;
  • Audi R8;
  • Aston Martin (tutte);
  • Ferrari (tutte);
  • Jaguar F-Type R;
  • Lamborghini (tutte);
  • Maserati Granturismo/Grancabrio;
  • MCLaren (tutte);
  • Mercedes AMG GT;
  • Nissan GT-R;
  • Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio 510cv/540cv

Classe 9 “Racing” (gomme libere)

Tutte le vetture non immatricolate e racing

11 - Norme e punteggi

Il rilevamento tempi e posizionamenti sarà effettuato con strumenti gestiti dall'organizzazione; in mancanza di essi o in caso di malfunzionamento saranno utilizzati eventuali strumenti propri dei piloti o di terzi, purché esistano registrazioni verificabili.

Nella stagione saranno organizzati trackdays Challenge e trackdays Endurance.

Norme specifiche per i trackdays Challenge:

Sarà calcolata la media dei sette (7) migliori tempi (giri) cronometrati. In caso di medie uguali verrà considerato il minor scarto tra primo e settimo giro.

Il punteggio sarà assegnato secondo il seguente sistema:

  • 1° di classe 25 punti
  • 2° di classe 20 punti
  • 3° di classe 16 punti
  • 4° di classe 13 punti
  • 5° di classe 11 punti
  • 6° di classe 10 punti
  • 7° di classe 9 punti
  • 8° di classe 8 punti
  • 9° di classe 7 punti
  • 10° di classe 6 punti
  • 11° di classe 5 punti
  • 12° di classe 4 punti
  • 13° di classe 3 punti
  • 14° di classe 2 punti
  • 15° di classe 1 punto

Penalità:
Verrà decurtato 1 punto a tappa nell’eventualità che venga verificato, anche a posteriori, la mancanza del rispetto delle regole di sicurezza (es. maniche corte -1 punto, pantaloni corti -1 punto, cinture non allacciate -1 punto, casco non allacciato -1 punto, gancio traino non montato -1 punto etc. etc.)

Norme specifiche per i trackdays Endurance:

Le vetture saranno suddivise in uno o più raggruppamenti a seconda del massimo numero di auto contemporaneamente ammesse in pista dall'autodromo.

I raggruppamenti saranno composti partendo dalle categorie più basse fino alle più alte con l'obiettivo di rendere il più possibile uniforme il numero di vetture per ogni raggruppamento e col vincolo di mantenere all'interno dello stesso raggruppamento tutte le vetture di una stessa categoria.

La suddivisione in raggruppamenti sarà pertanto definita solo alla chiusura delle iscrizioni.

Le vetture saranno ordinate in corsia box in base al tempo presunto sul giro, ad insindacabile giudizio dell'organizzazione. Le vetture effettueranno un giro di lancio incolonnate per uno, distanziate di almeno 20 metri; il cronometraggio inizierà al passaggio della prima vettura sulla linea di partenza/arrivo del circuito.

Non è consentito il sorpasso alla prima curva del primo giro.

Trascorse due ore dall'inizio del cronometraggio, al primo passaggio sul traguardo al leader e a tutte le vetture che lo seguono sarà esposta la bandiera a scacchi o altra o semafori.

L'obiettivo è coprire il maggior numero di giri possibile.

A parità di giri prevale il pilota che è transitato per primo sul traguardo dopo l'esposizione della bandiera a scacchi o eventuale altra (vedi sopra).

Non sono considerate traguardo le linee all’ingresso e all’uscita della corsia box, pertanto non sono considerati validi i giri completati passando in corsia box anziché sulla linea di partenza/arrivo della pista.

In regime di bandiere gialle le vetture rimarranno in pista con divieto di sorpasso e velocità massima di 80 km/h fino al ripristino delle condizioni di sicurezza e all’esposizione della bandiera verde o all’accensione del semaforo verde.

In regime di bandiera rossa le vetture rientreranno in corsia box, vi rimarranno incolonnate una per una nello stesso ordine di ingresso e non potranno spostarsi nei box o nel paddock né rifornirsi di carburante né essere sottoposte a qualsiasi intervento di manutenzione o controllo.
I piloti possono scendere dalle vetture, ma le vetture devono rimanere presidiate.

Dovranno essere restituite le posizioni eventualmente guadagnate a causa di sorpassi involontari in regime di bandiere gialle o rosse.

All'esposizione della bandiera verde o all'accensione del semaforo verde le vetture saranno fatte rientrare in pista ad intervalli di tempo uguali e tali da far sì che l'ultima vettura rientri quando la prima sta per transitare sul traguardo.

Sono previste da un minimo di una ad un massimo di tre soste, conteggiate e regolamentate come segue:

  • tutte le vetture devono coprire almeno un giro in un tempo minimo di 20' (1 sosta) oppure almeno due giri in un tempo minimo di 11' ciascuno (2 soste) oppure almeno tre giri in un tempo minimo di 8' ciascuno (3 soste) si intende per "giro" l'intervallo di tempo fra un passaggio sul traguardo ed il successivo.
  • non sono considerate traguardo le linee all'ingresso ed all'uscita della corsia box
  • le vetture possono sostare nei box, oppure nel paddock, oppure in pit lane, ma in quest'ultimo caso devono rimanere presidiate
  • le soste obbligatorie non possono iniziare in regime di bandiera rossa
  • le soste obbligatorie in corso al momento dell'esposizione della bandiera rossa devono essere allungate di un tempo che sarà indicato dall'organizzazione su un cartello collocato prima del semaforo della corsia box; il tempo corrisponde all'intervallo che passa fra l'ingresso dell'ultima vettura ai box dopo l'esposizione della bandiera rossa e la successiva esposizione della bandiera verde
  • in ogni caso le vetture che erano in sosta al momento dell'esposizione della bandiera rossa dovranno ripartire in coda al gruppo
  • le soste obbligatorie devono essere completate entro la durata effettiva dell'evento, anche se quella prevista viene ridotta a causa di regimi di bandiera rossa
  • sarà applicata una penalità di un giro per ogni minuto o frazione di minuto di sosta mancata
  • sono proibiti i rifornimenti in pit lane e nei box; ammessi solo nel paddock in area indicata e provvista di estintori

Le vetture della categoria più lenta di ogni raggruppamento saranno classificate sulla base del totale dei giri percorsi. Alle vetture delle categorie superiori sarà sottratto un giro come segue nell’esempio: tutte le auto sono comprese in un unico raggruppamento, sono presenti auto delle categorie 1 - Entry, 2 - Gentleman, 3 - Master, 4 - Cup, 5 – Open, 6 – Turismo, 7 – Granturismo, 8 - Hyper Car. (unica eccezione per le cat. Turismo, Gran Turismo e Hyper Car equiparabili a Cup la prima e Open le altre due)

Le auto di categoria Entry saranno classificate in base ai giri realmente percorsi; alle auto di categoria Gentleman sarà sottratto un giro, alle auto di categoria Master saranno sottratti due giri, alle auto di categoria Cup e Turismo saranno sottratti tre giri, alle auto di categoria Open, Gran Turismo e Hyper Car saranno sottratti quattro giri.

Il punteggio sarà assegnato secondo il seguente sistema:

  • 1° di raggruppamento 18 punti
  • 2° di raggruppamento 16 punti
  • 3° di raggruppamento 14 punti
  • 4° di raggruppamento 13 punti
  • 5° di raggruppamento 12 punti
  • 6° di raggruppamento 11 punti
  • 7° di raggruppamento 10 punti
  • 8° di raggruppamento 9 punti
  • 9° di raggruppamento 8 punti
  • 10° di raggruppamento 7 punti
  • 11° di raggruppamento 6 punti
  • 12° di raggruppamento 5 punti
  • 13° di raggruppamento 4 punti
  • 14° di raggruppamento 3 punti
  • 15° e successivi di raggruppamento 2 punti
12 - Classifiche stagionali Challenge ed Endurance

Verranno elaborate due classifiche di stagione separate: una con la somma dei punteggi dei trackdays Challenge e una con la somma dei punteggi dei trackdays Endurance.

Saranno così elaborate le seguenti classifiche di stagione:

  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 1 "Entry" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 2 "Gentleman" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 3 "Master" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 4 "Cup" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 5 "Open" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 6 "Turismo" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 7 "Granturismo" 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 8 “Hyper Car” 
  • Classifica riservata ai piloti di vetture appartenenti alla classe 9 "Racing" 
  • Classifica generale per i piloti di tutte le classi. 

In caso di parità per il podio prevarrà il pilota col maggior numero di partecipazioni.In caso di parità di numero partecipazioni si procederà alla somma degli scarti (tra il primo e il settimo giro) di tutte le date e prevarrà il pilota con la somma minore, ovvero il più costante in pista.
Sarà assegnato un pari merito semplicemente in base al punteggio ottenuto per le posizioni successive a quelle da podio.

Regolamento per lo scarto:

Chi partecipa a tutte le 6 date potrà scegliere di scartare il risultato peggiore e gli verrà assegnato (a fine campionato) un bonus di + 5 Punti per la costanza nella partecipazione a tutto il campionato.
Chi non può venire ad una data, sarà considerata quella come scarto.
Nella classifica Endurance di stagione non sono previsti scarti.

13 - Montepremi

Saranno assegnati dei riconoscimenti ai partecipanti più meritevoli in base alle classifiche elaborate secondo i criteri elencati ai punti precedenti.
Tali criteri premiano la costanza di partecipazione e la condotta del mezzo in sicurezza, non la prestazione velocistica sul singolo giro. Le classifiche vengono redatte per un uso goliardico e non prevedono pubblicazioni di alcun genere.

14 - Equipaggi, turni aggiuntivi ed iscrizione a categorie diverse

Ogni vettura può essere guidata da uno o più piloti con trasponder e classifiche separate a condizione che venga effettuato un pagamento di + 100,00 euro per il secondo Pilota ed il pagamento degli eventuali turni aggiuntivi (i costi dei turni aggiuntivi verranno comunicati sul momento ed in base alla disponibilità del tempo e del traffico in pista)

Ogni iscritto (pilota od equipaggio) può usare più vetture nella stessa giornata.

Ogni pilota partecipante può usare più vetture nella stessa stagione senza limitazioni.

L'organizzazione esaminerà le richieste di spostamento in una classe inferiore delle vetture che, secondo i proprietari, siano collocate in una categoria palesemente inappropriata a norma di regolamento.

L'organizzazione può spostare in una classe superiore le vetture che, ad insindacabile giudizio, ritenga collocate in una categoria palesemente inappropriata a norma di regolamento.

15 - Reclami

I reclami devono essere comunicati in forma privata verbale o scritta durante la giornata all'organizzazione.

Le verifiche effettuabili visivamente o con strumenti a disposizione dell’organizzazione e senza costi aggiuntivi, saranno effettuate da Matteo Pirazzi (Wirestriker) gratuitamente e verranno comunicati all’organizzazione che prenderà decisioni in merito ad eventuali sanzioni. 

Gli eventuali costi necessari per le verifiche tecniche invasive dovranno essere anticipati dai reclamanti stessi e sono state calcolate in euro 2.000,00; in mancanza, i reclami saranno ritenuti nulli.

16 - Sanzioni

Le persone che arrechino disturbo, che non condividano gli ideali prettamente amichevoli e ludico-sportivi sui quali si basa la manifestazione, che costituiscano pericolo per gli altri partecipanti o che non rispettino anche solo un punto del presente regolamento saranno escluse da una o più date successive ad insindacabile giudizio dell'organizzazione e non saranno loro restituite le quote di iscrizione.

 

17 - Significato delle bandiere in pista

Bandiere usate in corrispondenza del traguardo:

Bandiera rossa

Dovrà essere agitata sulla linea di partenza quando è stata presa la decisione di arrestare una sessione di prove. Simultaneamente anche in tutte le postazioni di controllo che si trovano sul tracciato dovrà essere esposta una bandiera rossa.

Bandiera a scacchi bianchi e neri

Dovrà essere agitata e significa la fine d'una sessione di prove. Non frenare bruscamente, ma rallentare DOPO il passaggio sul traguardo ed uscire dalla pista.

Bandiera nera

Viene mostrata per informare il pilota interessato che dovrà uscire dalla pista la prossima volta che si avvicinerà all'ingresso della corsia box.

Bandiera nera con disco arancione

Viene mostrata per informare il pilota interessato che la sua vettura ha dei problemi meccanici che potrebbero costituire un pericolo per se stesso o per gli altri piloti e che dovrà fermarsi al proprio box nel giro successivo, dal quale potrà ripartire non appena il problema sarà stato risolto.

Bandiera nera e bianca divisa in diagonali

Questa bandiera dovrà essere mostrata una sola volta e costituisce un avvertimento: indica al pilota interessato che è stato segnalato per un comportamento scorretto.

 

Bandiere usate nelle postazioni di controllo lungo il percorso:

Bandiera rossa

Questa bandiera, come già detto, interrompe la prova. Tutti i piloti debbono rallentare immediatamente e ritornare alla corsia dei box. I sorpassi sono vietati.

Bandiera gialla

Rappresenta un segnale di pericolo e dovrà essere mostrata ai piloti in due modi, con i seguenti significati:

  • Una sola bandiera agitata significa che c'è un pericolo sul bordo o su una parte della pista, bisogna ridurre la velocità, non sorpassare ed essere pronti a cambiare direzione.
  • Due bandiere agitate significano che un pericolo ostruisce totalmente o parzialmente la pista. Bisogna ridurre MOLTO la velocità, non sorpassare ed essere pronti a cambiare direzione ed anche a fermarsi.

Bandiera gialla con righe rosse

Avverte del deterioramento dell'aderenza dovuto alla presenza sulla pista di olio, terriccio, filler, acqua od altro.

Bandiera blu (MOLTO IMPORTANTE)

Indica ad un pilota che sta per essere sorpassato e deve permettere alla vettura che lo segue di passare alla prima occasione, annunciando la manovra di abbandono della traiettoria tramite l'uso dell'indicatore di direzione.

Bandiera bianca

Viene mostrata per indicare al pilota che c'è un veicolo molto più lento sulla porzione di pista controllata da quella postazione. Può trattarsi di un mezzo di servizio come ambulanza o mezzo antincendio.

Non fermarsi per prestare soccorso ai veicoli coinvolti in incidenti, si tratta di un compito esclusivo del personale di pista preposto. Si otterrebbe l'unico risultato di intralciare le operazioni.

L'unica eccezione ammissibile è il soccorso di veicoli in fiamme se si è i primi a giungere sul punto oppure se si è dotati di estintore brandeggiabile ed i presenti non ne hanno a disposizione.

Bandiera verde

Indica che la pista è libera, per esempio dopo un incidente o a seguito di presenza in pista di olio o acqua.

Regolamento anno 2020 / 25 Gennaio 2021 / Rev. 1.2 - Versione PDF
Il presente regolamento può essere liberamente riprodotto ed impiegato, anche parzialmente, purché sia citata la fonte di provenienza.